La solita minestra: offendere Frosinone e i ciociari (ma avete davvero rotto le scatole)

Sull’edizione di oggi de “Il Fatto quotidiano”, organo di stampa notoriamente vicino ai 5 stelle, Antonio Padellaro firma un corsivetto che in prima pagina viene richiamato con un “Siamo russi o ciociari?”, mentre a pagina 13 il titolo preciso e compiuto è: “Metti ‘Guerre stellari’ a Frosinone”. La vicenda è quella ben nota dell’impiegato dal cui computer i pirati informatici hanno rubato i dati della Regione Lazio; l’impiegato in questione è di Frosinone e lavora nella sede che la Regione Lazio ha per l’appunto nel capoluogo ciociaro. Al “Fatto” basta e avanza per ricamarci su con una miscellanea di prese in giro dei frusinati (immagino che al giornale di Travaglio, Conte e Grillo sappiano che gli abitanti di Frosinone si chiamano così) e dei ciociari. Una serie di offese a cui noi frusinati e ciociari siamo un po’ abituati (grosso modo dai tempi di Lando Buzzanca e Delia Scala a ‘Canzonissima’) anche se non ci abitueremo mai. E, soprattutto, fa specie che cadano nel solito giochetto anche professionisti come Padellaro. Ma, chissà, forse è un ordine del movimento-partito quello di sparare sul ciociaro: in Rete gira ancora un video in cui Beppe Grillo offende Frosinone senza ritegno, per una pagina tra le più demenziali della sua demenziale “carriera” politica. Ora passiamo però dal padellaro alla brace (scusate, non avrei voluto fare questa pessima battuta, ma ogni tanto ci sta il rendere pan per focaccia). Cosa che ovviamente non sarebbe accaduta se il povero impiegato fosse stato di Vittorio Veneto o Reggio nell’Emilia e neppure di Volturara Appula, il cui nome pure fa un po’ sorridere, ma che ovviamente non si può dire perché patria dell’Inarrivabile prof. ex presidente del Consiglio, non propriamente e non ancora un Cicerone o un Tommaso d’Aquino, ma sul blog delle stelle si stanno attrezzando.

Certo, io mi indigno (eufemismo per dire che mi girano vorticosamente le scatole) e immagino che altrettanto faranno molti miei conterranei, perfino quelli che hanno votato i grillini, eleggendone pure parlamentari e consiglieri regionali (dai quali però non mi aspetto neppure un battito di ciglia contrario, come già ai tempi del suddetto video di Grillo); mi aspetto anche una presa di posizione del sindaco di Frosinone e del presidente della Provincia, Nicola Ottaviani e Antonio Pompeo, la cui schiena diritta conosco e apprezzo da anni. Chiedere le scuse di Padellaro, invece, mi pare fatica sprecata: lui è un Grande Giornalista e io solo l’ultimo dei colleghi. Per giunta di Frosinone, Ciociaria, Italia. (Ps: e perfino con un figlio nato in Russia e orgoglioso di essere ciociaro e russo).

2 pensieri su “La solita minestra: offendere Frosinone e i ciociari (ma avete davvero rotto le scatole)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *