Archivi categoria: Poesie

NIENTE

C’è troppo freddo questa sera,

la tua assenza è soprattutto la mia:

delle carezze non date, delle voci non abbassate,

egoismi mai appianati.

C’è troppo freddo in questo silenzio,

e la tua voce urla i ricordi:

di viaggi e città, figlio e figli da coccolare,

amicizie vecchie e sguardi nuovi.

C’è troppo di tutto

(ma non c’è niente, senza te)

 

Ottobre 2020

LE ULTIME ALBE

Queste ultime albe

di ritmi forsennati,

in forse gli spiccioli di una vita

generata su nostalgie

di ripetitive cadenze:

caduchi uomini

(a cercare invano quello che non c’è).

 

Eppure le ultime albe

i giorni vedono,

gironi d’inferni di tutta una vita,

abbottonata alla malinconia

di antiche credenze:

creduloni uomini

(a cercare il già trovato).

 

agosto 2020

SE IO FOSSI POETA

A mani non più nude

scaverei parole

dette e non dette,

e sabbia fine a incipriarle.

A gambe finalmente levate

correrei su sguardi

intensi e intonsi,

e risate a incorniciarli.

A malinconie sbugiardate,

avvolgerei i cuori

d’amore innamorati,

e battiti a rallentarli.

A ricordi già futuri

affiderei memorie

di versi diversi,

e il poeta busserà alla mia porta.

(giugno 2020)

DA SOLO, L’ULTIMO ASSOLO

Solo nodi alla gola

i rimasugli di vita,

già rafferma

di pane stantio.

 

Solo passi in salita

quello che ancora vorresti fare,

dare il cammino

non ti è più consentito.

 

Solo urla al silenzio

il bisogno almeno di parlare,

dicerie che al cuore

non hanno più da comandare.

 

Solo persone che mancano

all’appello dei sentimenti,

e solo di solitudini

provi a cantare (da solo) l’ultimo assolo

LE MALINCONIE

Le malinconie, tutte assieme:

tappo allo stomaco,

gola in fiamme che neppure la saliva

dei ricordi spegne.

 

Le malinconie, strane amiche:

giocano a rimpiattino,

corrono in fretta più veloci

del vento che sibila nomi e facce.

 

Le malinconie, assurda poesia:

versi che non scorrono,

eppure ti cantavo in rima

ed eri amore uno dopo l’altro.

E QUESTA SERA

Verrà la sera

stanca dei miei occhi nei tuoi

a perdersi nelle risa che furono

e nelle corse mai fatte (eppure veloce

sarà passata la vita)

 

Verrà una sera

dolce e più dolce

delle mie golosità

e dei tuoi rimproveri

(poi magari la notte

e ancora alla dispensa di nascosto).

 

Verrà una sera

di pochi rimpianti e pianti

di nipoti

(noi due piantati da schiena che duole).

 

Verrà la sera:

ma è già stasera

che questo amore s’addormenta

di giusto riposo (come ogni sera)

e di tramonto lontano,

di tramonti a stringersi le mani.

L’ESISTENZA GIA’ MI STANCA

Camminerai gli scogli

appuntiti di facce cattive

Prenderai a risate la vita,

finché sarà la tua.

E canterai note stonate

nelle notti insonni di un bambino vostro.

 

Poi riposerai anche tu,

accanto a un padre vecchio:

l’esistenza già mi stanca

eppure manca tanto, figlio mio,

per sentire (finalmente) la tua mano

nella mia, tremante.

 

(gennaio 2020)

PUNTO E A CAPO

Accartocciato sulle tue sofferenze

esili (neanche un racconto,

figuriamoci una poesia)

entrano lo stesso i dolori

di chi ha la vita (e questo

è libro, di pagine infinite)

stesa su troppi letti d’ospedale.

E allora impara, e stai zitto

(se scrivere ancora cercherai,

anche appena un rigo).

 

(gennaio 2020)